home

email

curriculum

racconti

teatro

articoli

poesie

ricette
anarchiche

les cousiniers dangereux
il cd


mostre







Calo l'asso, piglio tutto e che paghi il presidente!

  
Per un punto Martina perse l’orecchio
   
Nell’anno 1983, durante un venerdì sera di un’estate fin troppo afosa, tre ragazzi ed una ragazza stavano seduti su di una panchina del parco Albanese di via Bissuola a Mestre. Quello che fu poi battezzato come il Tempo del Riflusso, aveva posto loro un grande problema da risolvere. A Padova c’era il concerto dei CCCP e fra tutti non avevano né soldi né un mezzo per poterci andare. Per quei balordi era una situazione impossibile da accettare, si sentivano frustrati ma anche esaltati. Ognuno diceva la sua, ma l’idea più interessante e fattibile da realizzare risultò essere quella di rubare una macchina. Naturalmente, per non fare la figura del vile cacasotto, nessuno espresse parere contrario e quindi non restava che individuare la vettura più adatta e semplice da scassinare. La scelta cadde su di una FIAT 500 molto mal ridotta e posteggiata in una zona particolarmente buia. Il tettuccio di tela si tagliò senza sforzo ed il motore fu avviato come facevano vedere nei film americani. Facile facile.
Furbescamente iniziarono il viaggio percorrendo le strade più interne, la birra e il fumo marocchino facevano ridere e allontanavano la paura di incrociare una pattuglia della polizia. Superarono Noale, tutto bene, ma la curva di Santa Maria di Sala venne affrontata troppo velocemente, la vetturetta sbandò e si ribaltò. Urla di terrore e, in assenza di cinture di sicurezza, i quattro corpi si rimescolarono catastroficamente. Alla fin fine nessuno si era fatto veramente male, qualche ammaccatura ma, come non si sa, la ragazza risultò essere mancante di un orecchio e zampillava sangue come una fontana. A buon diritto si lamentava e si disperava. Fermarono una macchina per portarla al Pronto Soccorso dell’ospedale di Dolo. Un incidente automobilistico, spiegarono ai dottori, aveva causato il disastro. L’orecchio mancante dov’era? Doveva essere rimasto in macchina o sull’asfalto, chi poteva pensare, in quei momenti di assoluta confusione, che sarebbe stato utile raccoglierlo?
La polizia accorse sul luogo del sinistro e fece i rilievi su quella 500 con le ruote per aria. Due più due, per ogni cervello, fa sempre quattro: l’auto risultava rubata, l’interno era tutto sporco di sangue, sotto un sedile venne rinvenuto un orecchio, una certa Martina L. era stata accompagnata all’ospedale per tamponare una ferita dovuta proprio alla perdita di un orecchio … l’indomani i giornali ebbero di che scrivere, statene certi.
p. s.: In seguito a Martina l’orecchio riuscirono a riattaccarglielo. Non è che l’incollaggio sia venuto molto bene, ma la ragazza ha vissuto comunque una vita bella e felice.
p. p. s.: Per chi c’è andato, poi il concerto dei CCCP è stato bello? Gli autonomi riuscirono ad entrare senza pagare il biglietto?

Come Caterina divenne Cristina


Comu Odisseu n'cagghìau 'nta l'antru di Polifemu


E noi faremo come la Russia / chi non lavora non mangerà


Ercole e la regina di Saba

Giammitro e il record mondiale

Giustina, operaia all'Arsenàl

Il treno del Sole

L'Adunata dei Refrattari

La villeggiatura

Le allegre merende di una spensierata famigliola scozzese

Le mirabolanti avventure della salma di Josif Aleksandrovic

Minchia!, Tarek c'è

O rompiamo il vaso o tagliamo la mano al ragazzino

Olivetti & Bottarga

Per un punto Martina perse l'orecchio

Quel che la Libia ci deve ancora restituire

Sapete, io sono un ladro

Tito Tazio, chi era costui?

Tre storie altruistiche

Un suonatore di trombetta

I racconti di Napuliè

La commedia divina