home

email

curriculum

racconti

teatro

articoli

poesie

ricette
anarchiche

les cousiniers dangereux
il cd


mostre







Calo l'asso, piglio tutto e che paghi il presidente!

  
Comu si li cugghièru li beddi pira
jeccòmu ‘cci arrivàru senza scala,
all’acchianata ‘cci vinni furtuna
a lu scinniri si stuccàu la rama.
canto popolare siciliano


Comu Odisseu  ‘ncagghìau ‘ntà l’antru di Polifemu

Soccu ci facìa mè zì Santinu ammucciàtu darrè a portrona? Possìbbili che lu valenti cacciaturi a'ccùi s’arricanusciànu li scartrizzi d’Odisseu, viancu comu nà mappina, 'ccu vuci chicchianti e picchiulusa, ricia: - Un’cci sugnu!, dicci c'ummattruvasti!
Ma dicci accùi? Capemusi!, sarà bonu c'accumìnciu a ‘cuntarivi tuttu d'apprincipiu.
Sapemu chi Santinu omu di spassusissima cumpagnia e cacciaturi era. Si ‘n gruppu di cumpari pinzava di ‘iri a caccia e, cu li seicentu e li milleccentu FIAT, si vulia partiri quarchi jornu luntani di la famigghia e da li pinseri, si c'era postu, passavanu sempri a pigghiàllu. Sfortunatamenti, oceddi o cunigghia, già a‘ddi tempi, cinn'eranu picca e'nnenti e allura era abbitudini di li cacciatura d’inchìrisi li vertuli d’uva, pumarori, lumie a la faccia 'ddu travagghiu di li viddàni.
Una jurnata, firriannu campagni campagni senza aviri pututu sparari mancu ‘nà botta, Santinu e l'allegra cumpagnia, capitàru in un jardinu d'aranci. Ma chi biddizza!, ogni fruttu, ranni comu la testa d'un nutricu, stava appisu alla rama agghìummuniatu in un coppu di cellofane; 'nna cosa simmili ‘nun s’havia mai vistu. Pigghia tu chi pigghiu eu, si misuru a cogghiri ‘ddu beni di’Diu.
Improvvisamenti cumpariu, a cavaddu d’una mula fucusa, un guardiacampu, un campère vistitu cu’ giacchetta e cavusi ‘ddi villutu, stivali, coppola niura torta e scupetta a tracoddu chi ci vuciava: - Chi ci fate 'nta li terre di 'lu Conti Mataroccu?
‘U panicu agghiacciò lu cori ‘npettu di li cacciatura ma Santinu, comu Odisseu nall’antru di 'llu giganti Polifemu, fici un passu avanti e tranquillamenti c'iarrispunniu: - Eu sugnu 'u frati di 'lu Conti e sugnu 'ccà a dirittu cu li mè amici.
'U campère arristò tanticchia 'nterdettu, ma poi si cavau a coppola e ci dissi: - Bonu, si siti sò frati, a Vostru piaciri, 'llu patruni siti Vuie. Baciamo le mani a Vossia e a Lor Signori.
Vutau 'a mula e s'inniu, … comu immediatamenti si ‘nni fujeru Santino e l'autri a pigghiari li machini e turnari a’la casa.
'U campere, probabbilmenti, iu a 'lla villa di lu Conti e ci cuntàu chi S'ò frati, 'cù autri cacciatura, si stavanu futtennu l’aranci.
- Ma io non ho fratelli - c'arrispusi 'u nobbilomu - ma chi erano?, da dove venivano?
- Da comu parravanu mi parsi chi, di l'accentu, maissalisi eranu, autru nun Vi sacciu diri.
Intantu Santinu, turnatu a Maissala, protagonista era di li pomeriggi passati a'lu Circulu di li Cacciatura. Chiaramenti ‘u solitariu campere s’havia clonato addiventannu rui, tri, cinco, quasi tuttu'n reggimentu di giannizzari a cavaddu. Iddu sulu, cuntàva Santinu, havia affruntatu trimenni periculi e ‘li scupittati chiù feroci; e poi, 'dda truvata di farisi passari 'ppi lu frati di lu Conti Matarocco, era stata assolutamenti gi-ni-a-li!
Tutti si facianu ‘ranni scaccaniati e si cumplimintavanu ‘ccu ‘ddu ‘ran ciriveddu finu.
‘U sabbato pomeriggiu succissivu, ‘na machinuna americana si firmò ravanti a'lu Circulu e scinnìu un signuri distintu, giacca, cravatta e cappeddu jancu. A chiddi assittàti davanti a la porta s'apprisintau comu il Conte Matarocco e addumannau se conoscevano quella persona che, nell’agrumeto, si era qualificata come suo fratello.
A chiù pura innoccenza si pittau ‘nta la faccia d'ognunu.
- No, nun conoscemu a nissunu. Anchi stu fattu di l’aranci chi Vossia ‘ni cunta, sù cosi chi’nni risuttano novi. Bedda Matri!, nun sapemu nenti, ri nenti, ri nenti.
Ma dai e dai, 'u Conti arribattiu che la sua venuta era motivata solo dal desiderio di conoscere l’uomo che aveva avuto la presenza di spirito di presentarsi come suo fratello, per premiarlo, addirittura. Boh!, ‘stu raggiunamentu arriniscìu a convincilli e Nenè Vuippe, ‘u chiù putenti manciaturi di zabbina di tutti li epochi di lu munnu, c’arrispunnìu: - Vossia aspittassi cà chi ci'lu vaju a chiamàri.
Curriu e arrivau a’ via Roma, sonau a’ porta dunni abbitavàmu nui, mè nonnu Pippinu ‘u Cavalieri e Santinu cù la sò famigghia. Sintennu sunari ivi a ghiapiri eu (a ‘ddu tempu putia aviri manco deci’anni) e ‘nù cristianu mi rici di chiamare mè ziu che, momentaneamenti, era assittàtu 'nta la portrona ‘di lu salottu.
- Eh, comu semu, Nenè?, s’apprisenta nà manciata ‘ddi ricotta?
- Bonu, bonu, grazie …  nenti, però c'è … lu Conti Mataroccu chi t'aspetta a 'llu Circulu.
'Na saitta fu menu veloci di mè ziu che, c'un sautu attleticamenti insospittabbili, si sdirrupau ad ammucciarisi darrè a portrona implorannu: - Dicci chi nun ci sugnu, 'ccummatruvasti!
- Ma no, Santinu, vinni pa’ccumplimintarisi 'ccu tia. Senti a mia, veni fora!
Com'è e comu non è, ‘u pirsuasi e Santinu, sempri però titubbanti, s’incamminàu cù Nenè versu un ridenti distinu.
'U Conti ci strincìu a manu a Santinu, si complimentau 'ppi la sua presenza di spirito e, di'lu bauli di la machina, tirau fora ‘na cascia d'aranci, propriu chiddi ranni comu ‘a testa d'un nutricu e … ciarrìalau.
Santinu allucchiu e, ‘nta l'anni futuri, ogni tantu, a 'nsegnamentu di vita, mi ricìa: - Rino, eu sugnu comunista, ‘u sai, ma ricoiddatillo ... i nobbili, sù sempre i nobbili!





Come Odisseo fu intrappolato nella grotta di Polifemo

Cosa ci faceva mio zio Santino nascosto dietro la poltrona? Possibile che il valente cacciatore al quale si riconoscevano le furbizie di Odisseo, bianco come uno straccio, e con voce tartagliante e piagnucolosa, ripeteva: - Non ci sono!, digli che non mi hai trovato!
Ma dicci a chi? Capiamoci, sarà bene che cominci a narrarvi tutto dal principio.
Sappiamo che Santino era un cacciatore di spassosissima compagnia. Se un gruppo di amici pensava di andare a caccia e, con le 600 o le 1100 FIAT, voleva allontanarsi per qualche giorno dai problemi e dai pensieri della famiglia, se c’era posto, passavano sempre a prenderlo. Sfortunatamente, uccelli e conigli, già a quei tempi, ce n’erano pochi o niente ed allora era abitudine dei cacciatori riempirsi i tascapane di uva, pomodori, limoni alla faccia delle fatiche dei contadini.
Un giorno, dopo aver girato per le campagne senza aver potuto sparare una fucilata, Santino e l’allegra comitiva, capitarono in un giardino d’arance. Ma che bellezza!, ogni frutto, grande come la testa di un neonato, stava appeso al ramo avvolto in un sacchetto di cellofan; una cosa simile non si era mai vista. Piglia tu che piglio io, si misero a raccogliere quel ben di Dio.
Improvvisamente, a cavallo d’una mula focosa, arrivò un guardiacampi vestito con giacchetta e pantaloni di velluto, stivali, coppola nera sulle ventitré e fucile a tracollo che gridava: - Che ci fate nelle terre del Conte Matarocco?
Il panico gelò il cuore in petto ai cacciatori ma Santino, come Odisseo nell’antro del gigante Polifemo, fece un passo avanti e tranquillamente gli rispose: - Io sono il fratello del conte ed è mio diritto stare qui con i miei amici.
Il guardiacampi restò un pochino interdetto ma poi si cavò la coppola e gli disse: - Bene, se siete suo fratello, a Vostro piacere, il padrone siete Voi. Baciamo le mani a Lei e a Lor signori.
Girò la mula e se ne andò, … come immediatamente scapparono a prendere le macchine Santino e tutti gli altri per tornarsene a casa.
Il guardiacampi, probabilmente, si recò alla villa del Conte e gli raccontò che Suo fratello, con altri cacciatori, stavano prendendo le arance.
- Ma io non ho fratelli - gli rispose il nobiluomo – ma chi erano?, da dove venivano?
- Da come parlavano mi è sembrato che, dall’accento, erano marsalesi, altro non riuscirei a dirLe.
Intanto Santino, tornato a Marsala era il protagonista dei pomeriggi passati al Circolo dei Cacciatori. Chiaramente un solitario guardiacampi si era clonato diventando due, tre, cinque, quasi tutto un esercito di giannizzeri a cavallo. Lui da solo, raccontava Santino, aveva affrontato tremendi pericoli e le più feroci fucilate; e poi, quella trovata di farsi passare per il fratello del Conte Matarocco, era stata assolutamente ge-nia-le!
Tutti si facevano grandi risate e si complimentavano con quel cervello fino.
Il sabato pomeriggio successivo, una macchina di marca americana si fermò davanti al Circolo e ne scese un signore distinto, giacca, cravatta e cappello bianco. A quelli seduti davanti alla porta si presentò come il Conte Matarocco e chiese se conoscevano quella persona che, nell’agrumeto, si era qualificato come suo fratello.
L’ innocenza più pura si dipinse sul volto di ognuno.
- No, non conosciamo nessuno. Anche questo fatto delle arance che Lei ci racconta, sono cose che ci risultano nuove. Lo giuriamo!, non sappiamo niente, di niente, di niente!
Ma dai e dai, il Conte ribatté che la sua venuta era motivata solo dal desiderio di conoscere l’uomo che aveva avuto la presenza di spirito di presentarsi come suo fratello, per premiarlo, addirittura. Boh!, questo ragionamento riuscì a convincerli e Antonio Volpe, il più grande mangiatore di ricotta di tutto il pianeta, gli rispose: - Lei mi aspetti qui che glielo vado a chiamare.
Velocemente arrivò in via Roma, suonò alla porta dove abitavamo noi, mio nonno il cavaliere Giuseppe e Santino con la sua famiglia. Sentendo suonare andai ad aprire (a quel tempo forse avevo meno di dieci anni) ed una persona mi dice di chiamare mio zio che, momentaneamente, era seduto sulla poltrona del salotto. 
- Eh, Antonio, come stai?, c’è in vista una mangiata di ricotta?
- Bene, bene, grazie … niente, però c’è … il Conte Matarocco che ti aspetta al Circolo.
Un fulmine fu meno veloce di mio zio che,  con un salto atleticamente insospettabile, si catapultò a nascondersi dietro la poltrona implorando: - Digli che non ci sono!, che non mi hai trovato!
- Ma no, Santino, è venuto per complimentarsi con te. Ascoltami, vieni fuori!
Riuscì finalmente a persuaderlo e Santino, però sempre timoroso, con Antonio si incamminò verso un ridente destino.
Il Conte volle stringere la mano a Santino, si complimentò per la sua presenza di spirito e tirò fuori dal baule della macchina una cassetta d’arance, proprio quello grandi come la testa di un neonato e … gliele regalò.
Santino rimase sbalordito e, negli anni futuri, ogni tanto, a dottrina di vita, mi diceva: - Rino, io sono comunista, lo sai, ma ricordatelo … i nobili, sono sempre i nobili!

Come Caterina divenne Cristina


Comu Odisseu n'cagghìau 'nta l'antru di Polifemu


E noi faremo come la Russia / chi non lavora non mangerà


Ercole e la regina di Saba

Giammitro e il record mondiale

Giustina, operaia all'Arsenàl

Il treno del Sole

L'Adunata dei Refrattari

La villeggiatura

Le allegre merende di una spensierata famigliola scozzese

Le mirabolanti avventure della salma di Josif Aleksandrovic

Minchia!, Tarek c'è

O rompiamo il vaso o tagliamo la mano al ragazzino

Olivetti & Bottarga

Per un punto Martina perse l'orecchio

Quel che la Libia ci deve ancora restituire

Sapete, io sono un ladro

Tito Tazio, chi era costui?

Tre storie altruistiche

Un suonatore di trombetta

I racconti di Napuliè

La commedia divina